Trenord, via ai rimborsi per gli abbonamenti non utilizzati durante la quarantena

Trenord, via ai rimborsi per gli abbonamenti non utilizzati durante la quarantena

Trenord, via ai rimborsi per gli abbonamenti non utilizzati durante la quarantena 
Via libera ai rimborsi per gli abbonamenti di Trenord non utilizzati nel corso del periodo del lockdown(la chiusura). Da oggi i clienti della compagnia ferroviaria che hanno acquistato e non utilizzato un abbonamento per il mese di marzo 2020, o altri abbonamenti che comprendevano i mesi di marzo e aprile, possono inoltrare direttamente dal sito di Trenord la richiesta per ottenere un voucher di pari valore dell’abbonamento mensile o della quota parte del valore della mensilità non utilizzata. Il restituzione potrà essere effettuato attraverso due modalità: un voucher spendibile su tutta l’offerta commerciale di Trenord o la proroga dell’abbonamento in corso.

A stabilirlo è la legge 77 del 17 luglio 2020, che riconosce i rimborsi per il mancato utilizzo dei titoli di viaggio nel periodo di emergenza epidemiologica da Covid-19. Per la Lombardia – si legge in una lettera di Trenord – le modalità di applicazione sono state condivise dalle associazioni di categoria delle aziende di trasporto (Anav, AssTra e Agens) e dalle Agenzie per il trasporto pubblico locale, riunite lo scorso 3 agosto dall’assessora regionale ai Trasporti, Claudia Maria Terzi.

Tutte le domande presentate nei mesi scorsi e sospese aspettando delle disposizioni governative dovranno essere integrate accedendo al form online allegando il modulo di autocertificazione previsto dalla nuova legge. Il voucher sarà erogato nel valore di una mensilità per gli abbonamenti mensili validi a marzo 2020 e nel valore di una o due…

seguiciapprofondisci l'articolo da originale