Torna il distanziamento sui mezzi pubblici ma Regione Lombardia non si adegua al diktat del ministro Speranza

Torna il distanziamento sui mezzi pubblici ma Regione Lombardia non si adegua al diktat del ministro Speranza

Torna il distanziamento sui mezzi pubblici ma Regione Lombardia non si adegua al diktat del ministro Speranza 

La Regione Lombardia non si adegua all’ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, che obbliga le compagnie ferroviarie a ripristinare il distanziamento sociale di almeno un metro sui treni. L’amministrazione guidata da Attilio Fontana ribadisce infatti che sui mezzi pubblici è possibile occupare tutti i posti a sedere, come previsto all’ordinanza regionale entrata in vigore oggi. Alcuna marcia indietro, dunque.


Politica

No di Speranza ad allentamento misure sui treni. Il ministro della Salute firma ordinanza sull’obbligo di distanziamento

“In relazione all’ordinanza firmata alcuni giorni fa dal presidente della Regione Lombardia e in vigore da oggi, per quanto riguarda il trasporto pubblico locale – alla luce della nuova ordinanza emanata in data odierna dal ministro della Salute – Regione Lombardia, aspettando di valutare in maniera specifica e puntuale i contenuti di quanto previsto dalla nuova disposizione ministeriale e nell’ottica di un proficuo confronto da avviare velocemente attraverso il Governo e con la Conferenza delle Regioni, conferma la propria ordinanza”, comunica in una lettera l’amministrazione Fontana.

 


Cronaca

Covid-19 in Lombardia, sui mezzi pubblici si potranno utilizzare tutti i posti a sedere

“Le decisioni assunte alcuni giorni fa dalla Regione – prosegue…

seguici...sullo stesso argomento