Spunta un dirigente (per ora anonimo) della Lega nella storia della Lombardia Film Commission

Spunta un dirigente (per ora anonimo) della Lega nella storia della Lombardia Film Commission

Spunta un dirigente (per ora anonimo) della Lega nella storia della Lombardia Film Commission 

Attualità

Spunta un dirigente della Lega nella vicenda della Lombardia Film Commission. Per ora il nome non viene fatto, ma Repubblica racconta di un appuntamento segreto a Roma tra un politico di primo piano del Carroccio e i tre commercialisti  Scillieri, Di Rubba e Manzoni

Spunta un dirigente della Lega nella vicenda della Lombardia Film Commission. Per ora il nome non viene fatto, ma Repubblica racconta di un appuntamento segreto a Roma tra un politico di primo piano del Carroccio e i tre commercialisti  Scillieri, Di Rubba e Manzoni.

Dalla fine di febbraio, Sostegni minaccia di rivelare alla stampa i dettagli di quell’operazione immobiliare che aveva garantito al cerchio magico dei professionisti leghisti «una distrazione di fondi pubblici» pari a 800mila euro. Lui, attraverso il solo diploma di terza mass media e senza nessuna occupazione in Italia, era stato nominato da Scillieri prima legale rappresentante e poi liquidatore di Paloschi srl, la…

seguici...sullo stesso argomento