Sparò nel bar di Appiano: rimane in carcere. Contestato il tentato omicidio

66

Avrebbe risposto alle domande del giudice delle indagini preliminari di Como, Maria Luisa Lo Gatto, nel corso dell’interrogatorio andato in scena nel carcere del Bassone. Avrebbe detto di essersi alterato e di aver perso il controllo. Il gip ha comunque convalidato l’arresto e disposto la permanenza in carcere con l’accusa di tentato omicidio. Stiamo parlando del 55enne di Appiano Gentile che, nella serata tra mercoledì e giovedì, ha esploso un colpo di pistola – che teneva nella cintola dei pantaloni – dopo che il barista del locale in cui si trovava gli aveva chiesto di uscire in quanto stava per chiudere. Il pubblico ministero Daniela Moroni contesta anche altri reati, come la detenzione e il porto abusivo di arma da fuoco, la minaccia grave e pure il danneggiamento aggravato al locale. La scena è stata interamente ripresa dal circuito di videosorveglianza del bar. Si vedrebbe l’uomo caricare la pistola

Leggi anche altri post Como o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer