Serie B, affonda a Crotone una Cremonese che non riesce a segnare

Serie B, affonda a Crotone una Cremonese che non riesce a segnare
Serie B, affonda a Crotone una Cremonese che non riesce a segnare

La Cremonese lascia via libera a Simy a 3’ dalla fine e subisce una sconfitta che regala nuovi timori a Crotone. La formazione grigiorossa, pur costretta a giocare in prevalenza sulla difensiva non ha destato una brutta impressione contro un avversario in salute come i rossoblù. A penalizzare però in modo decisivo gli ospiti ci ha pensato il perdurare di una sterilità offensiva che sta assumendo contorni da record e sta rendendo sempre più difficile il raggiungimento del traguardo della salvezza. In avvio mister Rastelli, costretto a fare a meno dello squalificato Terranova e a non trascurare il recupero infrasettimanale in casa dello Spezia, cambia un po’ le carte a sua disposizione e ripropone dall’inizio Castagnetti e Valzania. La partita inizia subito su toni piuttosto accesi. La prima vera occasione è di marca rossoblù, con Simy che all’8’ sfrutta un bel cross di Gerbo per un colpo di testa che però Ravaglia è molto abile a neutralizzare. Nella prima parte della gara sono soprattutto i calabresi a mantenere l’iniziativa con Gerbo e Armenteros che tentano la conclusione senza però riuscire a trovare la mira giusta. Dopo una prolungata fase nella quale la squadra ospite si concentra soprattutto sul gioco di copertura, al 23’ i grigiorossi disegnano un’interessante ripartenza in velocità, ma la retroguardia locale si chiude con tempismo, anticipando Palombi e Piccolo che erano pronti ad intervenire sulla sfera. Dopo un tiro di Palombi controllato senza fatica da Cordaz, al 27’ torna a farsi pericoloso il Crotone, ma il tentativo di Armenteros viene fermato in angolo da un attento intervento di Bianchetti. Rimasto senza esito l’ennesimo traversone di Gerbo, conquistato da Ravaglia con una tempestiva uscita, al 37’ la Cremonese si rende insidiosa con Ciofani che riesce a proteggere un invitante pallone e a servirlo dove si trova Palombi che, però, da posizione assai interessante, calcia a rete senza riuscire a trovare lo specchio della porta. Il primo tempo si chiude con gli spunti di Crociata e Molina, ma la rete difesa da Ravaglia non corre particolari pericoli e le due contendenti vanno al riposo sul nulla di fatto. La ripresa si apre con un cambio nelle fila degli ospiti, con il neo-acquisto Parigini che prende il posto di Piccolo e si mette subito in mostra con un guizzo che al 2’ costringe Cordaz ad una non facile respinta con i piedi. Dopo un botta e risposta rimasto senza esito tra il solito Gerbo e Valzania, al 10’ Ravaglia esce in anticipo su Armenteros e fa suo il cross scagliato da Molina, che va al tiro anche un minuto più tardi, ma la sfera termina alta. La partita si mantiene aperta e ricca di capovolgimenti di fronte e al 20’ uno spunto di Valzania costringe l’attento Cordaz ad una provvidenziale respinta con il piede. Sussulto al 21’ per un palo colpito da Parigini in posizione irregolare. La risposta dei calabresi giunge alla mezzora con un colpo di testa di Simy che termina alto sugli sviluppi di un cross di Molina. Al 36’ Curado accusa un problema e rimane a terra. I rossoblù rimangono così momentaneamente in dieci e i grigiorossi cercano di approfittare dell’occasione prima con una sventola di Valzania e aumentando il tasso di fantasia con l’ingresso di Deli. Nel momento in cui la Cremonese cerca di vincere la partita, però, giunge, beffarda e impietosa, la zampata del Crotone. E’ il 42’ quando Mustacchio riesce ad andare al cross. La palla giunge allo specialista Simy, lasciato colpevolmente incustodito, che di testa non lascia scampo a Ravaglia. E’ il gol che condanna alla sconfitta la squadra di mister Rastelli, alla quale non bastano i 5’ di recupero per riacciuffare la parità ed evitare così di tornare dalla Calabria con una nuova sconfitta che aumenta (e non di poco) le preoccupazioni in chiave salvezza in casa grigiorossa.

 

Luca Marinoni

 

Crotone-Cremonese 1-0 (0-0)

 

Crotone (3-5-2): Cordaz 6.5; Curado 6, Marrone 6, Cuomo 6; Gerbo 7 (25’ st Mazzotta 6), Benali 6.5, Barberis 6, Crociata 6, Molina 6.5 (33’ st Mustacchio 6); Armenteros 6.5 (23’ st Jankovic 6), Simy 7. A disposizione: Figliuzzi, Festa, Golemic, Spolli, Bellodi, Golmet, Rutten, Maxi Lopez, Zak. All: Giovanni Stroppa 6.5.

Cremonese (4-3-2-1): Ravaglia 6.5; Zortea 6, Bianchetti 6.5, Ravanelli 6, Migliore 6; Arini 6 (41’ st Deli sv), Castagnetti 6, Valzania 6.5; Piccolo 6 (1’ st Parigini 6.5), Palombi 6 (28’ st Gaetano 6); Ciofani 6. A disposizione: De Bono, Volpe, Claiton, Gustafson, Boultam, Bignami, Crescenzi, Celar, Ceravolo. All: Massimo Rastelli (squalificato, in panchina Dario Rossi) 6.

Arbitro: Davide Ghersini di Genova 6.

Reti: 42’ st Simy.

Note: ammoniti: Armenteros; Parigini; Deli – angoli: 6-2 – recupero: 0 e 5’.

Cremona, 8 febbraio 2020  La Cremonese lascia via libera a Simy a 3’ dalla fine e subisce una sconfitta che regala nuovi timori a Crotone. La formazione grigiorossa, pur costretta a giocare in prevalenza sulla difensiva non ha destato una brutta impressione contro un avversario in salute come i rossoblù. A penalizzare però in modo decisivo gli ospiti ci ha pensato il perdurare di una sterilità offensiva che sta assumendo contorni da record e sta rendendo sempre più difficile il raggiungimento del traguardo della salvezza. In avvio mister Rastelli, costretto a fare a meno dello squalificato Terranova e a non trascurare il recupero infrasettimanale in casa dello Spezia, cambia un po’ le carte a sua disposizione e ripropone dall’inizio Castagnetti e Valzania. La partita inizia subito su toni piuttosto accesi. La prima vera occasione è di marca rossoblù, con Simy che all’8’ sfrutta un bel cross di Gerbo per un colpo di testa che però Ravaglia è molto abile a neutralizzare. Nella prima parte della gara sono soprattutto i calabresi a mantenere l’iniziativa con Gerbo e Armenteros che tentano la conclusione senza però riuscire a trovare la mira giusta.

Dopo una prolungata fase nella quale la squadra ospite si concentra soprattutto sul gioco di copertura, al 23’ i grigiorossi disegnano un’interessante ripartenza in velocità, ma la retroguardia locale si chiude con tempismo, anticipando Palombi e Piccolo che erano pronti ad intervenire sulla sfera. Dopo un tiro di Palombi controllato senza fatica da Cordaz, al 27’ torna a farsi pericoloso il Crotone, ma il tentativo di Armenteros viene fermato in angolo da un attento intervento di Bianchetti. Rimasto senza esito l’ennesimo traversone di Gerbo, conquistato da Ravaglia con una tempestiva uscita, al 37’ la Cremonese si rende insidiosa con Ciofani che riesce a proteggere un invitante pallone e a servirlo dove si trova Palombi che, però, da posizione assai interessante, calcia a rete senza riuscire a trovare lo specchio della porta. Il primo tempo si chiude con gli spunti di Crociata e Molina, ma la rete difesa da Ravaglia non corre particolari pericoli e le due contendenti vanno al riposo sul nulla di fatto. La ripresa si apre con un cambio nelle fila degli ospiti, con il neo-acquisto Parigini che prende il posto di Piccolo e si mette subito in mostra con un guizzo che al 2’ costringe Cordaz ad una non facile respinta con i piedi.

Dopo un botta e risposta rimasto senza esito tra il solito Gerbo e Valzania, al 10’ Ravaglia esce in anticipo su Armenteros e fa suo il cross scagliato da Molina, che va al tiro anche un minuto più tardi, ma la sfera termina alta. La partita si mantiene aperta e ricca di capovolgimenti di fronte e al 20’ uno spunto di Valzania costringe l’attento Cordaz ad una provvidenziale respinta con il piede. Sussulto al 21’ per un palo colpito da Parigini in posizione irregolare. La risposta dei calabresi giunge alla mezzora con un colpo di testa di Simy che termina alto sugli sviluppi di un cross di Molina. Al 36’ Curado accusa un problema e rimane a terra. I rossoblù rimangono così momentaneamente in dieci e i grigiorossi cercano di approfittare dell’occasione prima con una sventola di Valzania e aumentando il tasso di fantasia con l’ingresso di Deli. Nel momento in cui la Cremonese cerca di vincere la partita, però, giunge, beffarda e impietosa, la zampata del Crotone. E’ il 42’ quando Mustacchio riesce ad andare al cross. La palla giunge allo specialista Simy, lasciato colpevolmente incustodito, che di testa non lascia scampo a Ravaglia. E’ il gol che condanna alla sconfitta la squadra di mister Rastelli, alla quale non bastano i 5’ di recupero per riacciuffare la parità ed evitare così di tornare dalla Calabria con una nuova sconfitta che aumenta (e non di poco) le preoccupazioni in chiave salvezza in casa grigiorossa.                               

Crotone-Cremonese 1-0 (0-0)  

Crotone (3-5-2): Cordaz 6.5; Curado 6, Marrone 6, Cuomo 6; Gerbo 7 (25’ st Mazzotta 6), Benali 6.5, Barberis 6, Crociata 6, Molina 6.5 (33’ st Mustacchio 6); Armenteros 6.5 (23’ st Jankovic 6), Simy 7. A disposizione: Figliuzzi, Festa, Golemic, Spolli, Bellodi, Golmet, Rutten, Maxi Lopez, Zak. All: Giovanni Stroppa 6.5.

Cremonese (4-3-2-1): Ravaglia 6.5; Zortea 6, Bianchetti 6.5, Ravanelli 6, Migliore 6; Arini 6 (41’ st Deli sv), Castagnetti 6, Valzania 6.5; Piccolo 6 (1’ st Parigini 6.5), Palombi 6 (28’ st Gaetano 6); Ciofani 6. A disposizione: De Bono, Volpe, Claiton, Gustafson, Boultam, Bignami, Crescenzi, Celar, Ceravolo. All: Massimo Rastelli (squalificato, in panchina Dario Rossi) 6.

Arbitro: Davide Ghersini di Genova 6.

Reti: 42’ st Simy.

Note: ammoniti: Armenteros; Parigini; Deli – angoli: 6-2 – recupero: 0 e 5’.