Riaperta la casa vacanza ‘I Rondinini’ di Ghiffa

135

Un investimento di circa 400mila euro per restituire ai bambini milanesi, in meno di un anno, la villa sul Lago Maggiore

Milano, 16 maggio 2018 – È stata inaugurata ieri, alla presenza dei sindaci di Milano Giuseppe Sala e di Ghiffa Matteo Lanino, della vicesindaco Anna Scavuzzo e degli assessori Laura Galimberti e Gabriele Rabaiotti, la Casa vacanza ‘I Rondinini’ sul Lago Maggiore.

Situata sulla sponda occidentale, la Casa è stata chiusa nel novembre 2014 in seguito ad alcuni fenomeni di dissesto. Per questo, per metterla in sicurezza e riportarla alla sua piena funzionalità e alla sua antica vocazione, l’Amministrazione ha avviato ad agosto 2017 i lavori, investendo circa 400mila euro, per la sua ristrutturazione. Lavori che si sono conclusi recentemente e che hanno consentito la riapertura ai bambini dallo scorso 7 maggio, quando sono ripartite le prime classi di Scuola natura. Da questa estate, dunque, Villa Rondinini sarà di nuovo una delle mete per i piccoli milanesi che frequentano le scuole dell’infanzia e primarie di Milano.

In particolare i lavori hanno previsto opere di consolidamento delle aree pertinenziali della struttura per stabilizzare i piazzali, protetti da due paratie di micropali, la realizzazione di mura di sostegno, il rifacimento della scala esterna, la posa di reti in acciaio in aderenza al pendio per impedire il distacco di materiale roccioso e la risistemazione e il potenziamento della rete di raccolta delle acque.

Villa Rondinini nasce nel 1929, quando Ernesco Vaccarossi (fondatore della «Agenzia italiana per la vendita di pneumatici Michelin») decise di regalarla alla moglie come atto d’amore verso la donna della sua vita che non poteva avere figli, ma amava tanto i bambini. La signora Gemma gestì la villa fino al 1964 ospitando ragazzi in difficoltà e orfani, provenienti dalla cintura milanese, e con il testamento decise di lasciarla al Comune di Milano affinché la sua opera potesse continuare.