Posti pieni, Lombardia e Liguria non ritornano indietro: più persone sui mezzi pubblici

Posti pieni, Lombardia e Liguria non ritornano indietro: più persone sui mezzi pubblici

Posti pieni, Lombardia e Liguria non ritornano indietro: più persone sui mezzi pubblici 

Ore 19 – iscriviti alla newsletter e
ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

La Lombardia non segue il governo e non torna indietro: la Regione in una lettera comunica che si potranno continuare ad utilizzare il 100% dei posti a sedere e il 50% di quelli in piedi sui mezzi pubblici, almeno per il momento. Il Pirellone conferma il contenuto dell’ordinanza firmata proprio qualche giorno fa, venerdì, nonostante in giornata sia arrivato dal governo il dietrofront per quanto riguarda almeno l’Alta velocità. Stessa decisione pure per la Liguria, come ha spiegato il governatore Giovanni Toti: “Resteranno in vigore le disposizioni contenute nell’ordinanza regionale firmata e diramata qualche giorno fa e che consente un maggior numero di viaggiatori su tutti i mezzi”. Il provvedimento firmato oggi dal ministro della Salute, Roberto Speranza, ha ripristinato invece la regola dei posti alternati sulle Frecce di Trenitalia e sui treni Italo: “Ho firmato una nuova ordinanza che ribadisce che in tutti i luoghi chiusi aperti al pubblico, compresi i mezzi di trasporto, è e resta obbligatorio sia il distanziamento di almeno un metro che l’obbligo delle mascherine“.

Speranza parla di mezzi di trasporto, quindi inclusi bus e metropolitana. Lombardia e Liguria però hanno deciso di andare avanti per la loro strada, nonostante molti esperti, oltre al Comitato tecnico scientifico,…

seguici...sullo stesso argomento