“Piscine aperte e seggiovie chiuse”, gli impiantisti scocciati per il paradosso della montagna lombarda


“Piscine aperte e seggiovie chiuse”, gli impiantisti scocciati per il paradosso della montagna lombarda 
Piscine e centri sportivi aperti e seggiovie chiuse: è il paradosso che si vivrà in Lombardia – e in altre parti d’Italia – a partire da mercoledì 3 giugno. Il lamento arriva dall’Anef lombarda: «Siamo senza parole, dopo l’ultimo decreto: riaperte le piscine, i parchi ludici, i centri sportivi. Noi invece no – si sfoga il presidente Massimo Fossati –. Abbiamo scritto una lettera al governatore Fontana. Tutti rassicurano, però non fanno niente. Avremmo dovuto essere aperti, a sentire loro. Siamo a dir poco scocciati, e tutti insieme noi operatori della montagna stiamo perdendo centinaia di migliaia di euro fondamentali per il nostro equilibrio finanziario»….

“Piscine aperte e seggiovie chiuse”, gli impiantisti scocciati per il paradosso della montagna lombarda

visita la pagina

Lascia un commento