Parte da Bergamo la raccolta farmaci per i libanesi afflitti da guerra e Covid-19

Parte da Bergamo la raccolta farmaci per i libanesi afflitti da guerra e Covid-19

Parte da Bergamo la raccolta farmaci per i libanesi afflitti da guerra e Covid-19 

“Donare un farmaco può salvare una vita”. Parte da questa consapevolezza che diventa speranza il progetto di solidarietà promosso da Ayman Ismail, chirurgo libanese del Policlinico San Marco, in collaborazione attraverso il Centro Missionario Medicinali Onlus. Obiettivo: raccogliere farmaci da portare in Libano, Paese in cui la pandemia da Covid-19 ha peggiorato le condizioni di grave crisi già esistenti, limitando l’accesso alle cure primarie per più dell’80% della popolazione. Una situazione di fronte alla quale il dottor Ismail, che negli ultimi mesi ha combattuto in prima linea per fronteggiare l’emergenza da Covid 19 insieme ai suoi colleghi, non poteva restare a guardare.

“Il contesto in Libano è davvero fuori controllo ormai – racconta il dottor Ismail -. Il Paese da mesi è alle prese con la crisi più grave” dalla fine della guerra civile nel 1990. La moneta locale, la sterlina libanese, si è svalutata dell’80%, lo stesso vale per gli stipendi – che già prima erano al limite rispetto al costo della vita. A peggiorare tutto, poi, è arrivato il Covid 19 che ha costretto alla chiusura Il maggior numero delle fabbriche e delle attività, riducendo in povertà ampie fette di popolazione”.

Nei mesi dell’emergenza il dottor Ismail, nonostante l’impegno senza sosta nei…

seguici...sullo stesso argomento