Pandino, Lola finisce al canile: colletta al via

Pandino, Lola finisce al canile: colletta al via
Pandino, Lola finisce al canile: colletta al via

Cremona, 12 febbraio 2020 – Una cagnolina, suo fratello, un padrone e qualcuno che sottrae il cane e lo porta al canile. E qualcun altro che, sentita la storia, s’inventa una colletta per restituire il cane al padrone.

Succede a Pandino, dove una persona che vive in una cascina, ha quattro cani, due grandi e due di media taglia, Camillo e Lola. Che girano liberi nei campi adiacenti finché qualcuno riferisce al padrone che i quattrozampe, non avendo microchip, potrebbero essergli tolti. Da allora l’uomo ha ospitato i cani in un recinto, lasciando liberi i due più piccoli ogni tanto. E in un momenti di libertà una persona ha fatto catturare Lola e l’ha portata in canile a Vaiano Cremasco. La motivazione della cattura è che Lola e Camillo, essendo segugi, rincorrono chi passa nei pressi.

Quando il padrone ha saputo della cattura, ha cercato di riottenere la sua cagnolina, ma deve pagare una multa. Infatti al canile, gli è stato messo il microchip per poi registrarlo e farlo adottare. Tutto ciò è stato notificato al padrone che per riottenere Lola deve sborsare cento euro. Che non ha. Di qui la colletta per a pagare la multa e restituire Lola al suo padrone. «Sono al corrente della situazione – dice il sindaco Piergiacomo Bonaventi. – Sarà mia cura andare a parlare con questa persona e spiegargli che i cani devono avere microchip ed essere ben custoditi. Dopo di che nessuno gli impedirà di tenerli».