Omicidio a Milano, Manuela uccisa con 80 coltellate nel suo appartamento: fermato il presunto killer

Omicidio a Milano, Manuela uccisa con 80 coltellate nel suo appartamento: fermato il presunto killer

Omicidio a Milano, Manuela uccisa con 80 coltellate nel suo appartamento: fermato il presunto killer 

È stato individuato e fermato l’uomo che lo scorso 20 luglio in via Plana 10 a Milano avrebbe ucciso con 80 coltellate Manuela, alias di Emanuel Rabacchi Alves, una transessuale brasiliana di 48 anni.

Dopo serrate indagini della squadra omicidi del nucleo investigativo dei carabinieri, guidata dal tenente colonnello Antonio Coppola, nelle prime ore della mattina di venerdì 24 luglio, i militari del comando provinciale di Milano, hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto emesso dal Pubblico Ministero l’uomo ritenuto responsabile dell’omicidio della 48enne.

L’uomo dovrà rispondere anche dell’accusa di strage, per aver lasciato aperto il gas della cucina della vittima, nel tentativo di provocare un’esplosione che potesse cancellare le prove del delitto.

L’omicidio

Il corpo senza vita di Emanuel Rabacchi Alves era stato rinvenuto all’interno della sua abitazione di via Plana lunedì 21 luglio, nel pomeriggio. A trovarlo erano stati i vigili del fuoco, chiamati dai vicini di casa della vittima per una fuga di gas.

Manuela – questo uno degli alias utilizzati anche su siti di annunci dalla 48enne, che lavorava come prostituta – è stata trovata nella sua camera da letto, seminuda e a pancia ingiù, con almeno 80 coltellate su petto e schiena. Sul posto erano subito accorsi carabinieri, medico legale e pm di turno.

L’appartamento, che aveva la porta chiusa, non sembrava essere…