Home Milano Oggi sciopero dei treni di Trenord indetto dalla sigla sindacale Orsa. La...

Oggi sciopero dei treni di Trenord indetto dalla sigla sindacale Orsa. La Regione revoca per un giorno le misure antismog

Oggi sciopero dei treni di Trenord indetto dalla sigla sindacale Orsa. La Regione revoca per un giorno le misure antismog
Oggi sciopero dei treni di Trenord indetto dalla sigla sindacale Orsa. La Regione revoca per un giorno le misure antismog

“L’azienda pretende dai dipendenti il rispetto del contratto di lavoro e degli accordi, senza però fare lo stesso” afferma Adriano Coscia, segretario regionale Orsa Ferrovie Lombardia, che lamenta “la mancata consultazione delle Rsu in fase di negoziazione di aspetti fondamentali per i dipendenti: dall’estensione della prestazione massima giornaliera, alla modifica dei turni del personale a terra, al riposo settimanale”. Trenord, da parte sua, ricorda di “aver siglato negli ultimi sei mesi accordi a favore dei lavoratori per oltre 13 milioni di euro” e “auspica che prevalga il senso di responsabilità dei lavoratori”. Per limitare i disagi, poi, assicura la circolazione dei mezzi con partenza e arrivo previsti entrambi tra le 6 e le 9 e tra le 18 e le 21 su una serie di linee il cui elenco è pubblicato sul sito internet e quella di quattro Eurocity da e per Vienna e Monaco. Per garantire i collegamenti con l’aeroporto, invece, saranno predisposti autobus sostitutivi per le eventuali corse non effettuate tra Milano Cadorna (partenza da via Paleocapa 1) e Malpensa e tra lo scalo e Stabio.

 

È polemica anche sul giorno dello sciopero. Trenord sottolinea l'”incoerenza” del sindacato che nell’ultima mobilitazione “sostenne di aver scioperato di domenica, senza fasce di garanzia, per tutelare i pendolari e ora, contraddicendosi, sciopera al rientro delle festività natalizie causando disagi a migliaia di pendolari”. La scelta di un giorno infrasettimanale, però, non è casuale: arriva “in risposta a una lettera inviata dall’amministratore delegato di Trenord, Marco Piuri, in cui si invita a non “credere che lo sciopero festivo sia fatto per non danneggiare i pendolari”, perché “anche la domenica i nostri treni sono zeppi di lavoratori e i nostri servizi sono utilizzati da tutti coloro che approfittano del giorno festivo per andare a visitare familiari o ritornare a casa””, spiega Coscia.  All’ultimo sciopero indetto dalla sigla, il 15 dicembre, l’adesione era stata superiore al 70 per cento.