Moschea abusiva in via Quarenghi, assolto proprietario: “Il fatto non sussiste”

19

Il caso risale a qualche anno fa. Sala Uddin, presidente dell’associazione islamica Rahamah, aveva preso in affitto un immobile in via Quarenghi 23 a Bergamo, secondo l’accusa trasformando la destinazione da commerciale (un ex supermercato) a luogo di culto. Praticamente una sorta di “moschea abusiva”.

L’uomo, rinviato a giudizio, mercoledì 17 luglio è stato assolto in primo grado dal giudice Andrea Guadagnino perché “il fatto non sussiste”.

Leggi anche altri post Bergamo o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer