La tragedia di Azzano: «Gli amici credibili, l’investitore no. È stato omicidio volontario»

13

Le motivazioni di magistrati bresciani che, accogliendo il ricorso del pm, hanno deciso che Matteo Scapin (ai domiciliari) debba tornare in carcere per la morte di Luca Carissimi e Matteo Ferrari, 21 e 18 anni. Ma l’ultima parola è della Cassazione

Leggi anche altri post Provincia di Bergamo o leggi originale
La tragedia di Azzano: «Gli amici credibili, l’investitore no. È stato omicidio volontario»  
(carcere,morte,tornare,debba,scapin,domiciliari,luca)


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer