Incassi estivi e marche da bollo: il presunto gioco della Houdini

10

L’indagine sui bandi dei Lidi partita da un esposto presentato nell’estate del 2016

«Ci troviamo… la mano destra dà le chiavi, la sinistra le riprende e le dà alla Houdini». Era questo – secondo la Procura di Como, che negli atti ha citato l’intercettazione – il piano di Bruno De Benedetto, commercialista con studio in via Giulini, sul ristorante “Spiaggia” di Villa Olmo. Passarsi la gestione dell’attività commerciale rimanendo all’interno del “cerchio magico” di società creato appositamente, sostituendo quella uscente – inadempiente con il Comune e con la concessione scaduta da anni – con quella entrante, entrambi riconducibili al commercialista comasco ora in carcere con una serie di accuse – compresa la turbativa della gara pubblica in questione – notificate in una maxi ordinanza eseguita dalla guardia di finanza e dalla squadra Mobile di Milano a inizio settimana.

Per questo motivo, secondo il

Leggi anche altri post Como o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer