Home Milano Il piano del Comune, unire le domeniche a piedi con i maxi-eventi...

Il piano del Comune, unire le domeniche a piedi con i maxi-eventi sportivi per i runner

Il piano del Comune, unire le domeniche a piedi con i maxi-eventi sportivi per i runner
Il piano del Comune, unire le domeniche a piedi con i maxi-eventi sportivi per i runner

La suggestione è arrivata ieri pomeriggio, mentre Linus, direttore artistico di Radio Deejay, faceva il punto con la commissione Sport e Turismo sul suo incarico di consulente (gratuito) del Comune per i grandi eventi sportivi e musicali. “Perché non abbinare — propone il consigliere dem Alessandro Giungi, che sulla reintroduzione delle domeniche a piedi già un anno fa ha presentato un ordine del giorno — i più grandi eventi per runner che ci sono ogni anno a Milano, con le domeniche a piedi? Quando ci sono manifestazioni come le maratone cittadine, abbiamo sempre alcune problematiche con i cittadini che non vogliono rinunciare all’auto di domenica: a questo punto, potrebbe essere un’idea quella di collegare alcune di queste corse alle domeniche a piedi”. Eccola, l’idea che a Palazzo Marino (sembra) non dispiacere: organizzare delle feste ecologiche, in cui l’evento sportivo diventi attrazione per la cittadinanza. In una Milano carfree e, per questo, vivibile da tutti senza limitazioni.

La proposta di Giungi è stata lanciata durante la commissione comunale. E sembra non dispiacere all’assessora allo Sport e Turismo Roberta Guaineri: “Gli eventi che impattano di più sulla mobilità sono sei, a cui quest’anno si aggiunge anche il Giro d’Italia, che tornerà a fine maggio — ragiona — . Riuscire a far coincidere questi eventi con le domeniche ecologiche credo sarebbe molto bello”. Le manifestazioni su cui si potrebbe ragionare, allora, sono la Stramilano che sarà a marzo e la Milano Marathon di aprile, la Salomon Running a settembre, la Deejay Ten e la PittaRosso Pink Parade entrambe ad ottobre, la Milano half marathon si svolge a novembre. A questi appuntamenti, poi, nel 2020 si somma anche il Giro, che il 31 maggio terminerà con una cronometro da Cernusco a Milano. “Gli organizzatori già da tempo cercano di impattare il meno possibile sulla viabilità, con percorsi che consentono la chiusura al traffico temporanea in diversi tratti — aggiunge Guaineri — . In più, ci sono molte altre corse che abbiamo spostato verso alcuni parchi, come quello di Trenno, il parco Nord e il parco delle Cave. Unire però la domenica a piedi con l’evento sportivo potrebbe essere positivo». La parola definitiva spetterà adesso al sindaco. Certo è, però, che l’ipotesi raccoglie consensi: “Il calendario delle corse viene fissato con largo anticipo: sovrapporlo con il calendario delle domeniche a piedi non dovrebbe essere difficile”, ragiona allora Linus, che in commissione ha fatto un excursus sugli eventi organizzati negli ultimi tre anni con la collaborazione di Radio Deejay: dalla Deejay Ten che ormai conta stabilmente 40 mila partecipanti (hanno dovuto fissare il “numero chiuso” date le tantissime iscrizioni) ed è la gara di corsa su 10 chilometri più partecipata al mondo, alla Sea Milano Deejay Tri, dedicata al triathlon e dal 2017 organizzata all’Idroscalo. Fino alla Deejay 100, organizzata nell’ambito della Milano Bike City tra il 2017 e il 2019, ma adesso destinata a non ripetersi per i pochi partecipanti.