Notizie

Il Covid e il dolore: in un libro la lotta per la vita all’ospedale di Bergamo

L’impatto della pandemia da Covid-19 sulla vita di ognuno di noi è stato fortissimo. Bergamo è stata epicentro dell’emergenza sanitaria e l’ospedale Papa Giovanni XXIII l’ha affrontata in prima linea con una grande prova di passione da parte dei medici.

Questi mesi segnati da sofferenza, lutti e timore ci hanno portato a vedere il dolore tra noi e ad avvertire una fragilità che la nostra società non era abituata a considerare ma pure lo strazio di morire soli, senza la vicinanza delle persone care, che è stato uno degli aspetti più strazianti del Coronavirus, come ha rilevato il dottor Luca Lorini, direttore del dipartimento di emergenza dell’ospedale di Bergamo.

Un’esperienza come questa non ci potrà non rendere più sensibili alla sofferenza lontana e vicina a noi perchè per ricominciare come prima, ci vuole una seria e commossa meditazione sulla realtà. Sono questi i temi al centro del libro “Luca: Bergamo“, scritto da monsignor Luigi Ginami e Giulia Cerqueti, giornalista di Famiglia Cristiana.

Pubblichiamo la presentazione di Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant’Egidio.

UNA SERIA E COMMOSSA MEDITAZIONE SULLA REALTA’

Questo piccolo libro è un instant book: a caldo sulla frontiera dell’epidemia di covid-19 a Bergamo, specie dall’osservatorio dell’ospedale Giovanni XXIII, di cui abbiamo sentito parlare molto in queste settimane. L’ospedale è luogo di cura, ma pure di dolore. Lo sappiamo tutti. Lo sanno le associazioni, intitolate a Santina Zucchinelli, che hanno promosso questo libro. Conosciamo i dolori personali e privati. Ma un dolore, così forte e opprimente, lo avevamo visto solo in aree lontane del mondo: nelle grandi periferie umane del Sud, dove si vive con niente e si muore per niente, dove manca la cura e il necessario per sopravvivere.

Spesso il nostro mond

Il Covid e il dolore: in un libro la lotta per la vita all’ospedale di Bergamo

Show More