Giro di Lombardia. Allocchio: «Como? L’arrivo ideale della gara». L’analisi del tracciato

5

«Como? L’arrivo ideale del “Lombardia”. Como è il “Lombardia”». Parole accorate quelle di Stefano Allocchio, direttore di gara del Giro di Lombardia, la “classica-monumento” che sabato scatterà da Bergamo per poi terminare dopo 243 chilometri in piazza Cavour.
In occasione della presentazione al Museo del Ghisallo, Allocchio non si è nascosto: «Mi auguro che il finale del “Lombardia” rimanga sempre a Como – ha spiegato – perché è quello ideale, con quattro scalate spettacolari che precedono l’arrivo, come il Colle del Ghisallo, il Muro di Sormano, Civiglio e la Valfresca».
«Sono collegati con noi 193 Paesi – ha aggiunto il direttore di corsa – e nella fase conclusiva gli appassionati vogliono vedere battaglia, i corridori che vanno all’attacco, non, come capita nelle corse a tappe, la gara controllata dalle grandi squadre. Il traguardo di Como è senza dubbio il migliore».
Il tracciato dunque. Si parte sabato alle 10.30 da Bergamo

Leggi anche altri post Como o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer