Franca Valeri, cento anni di ironia

Franca Valeri, cento anni di ironia

Franca Valeri, cento anni di ironia 

Cento anni e non sentirli: Franca Valeri, pseudonimo di Franca Maria Norsa (Milano, 31 luglio 1920) ha festeggiato il traguardo a suo modo, stando in Tv, il mezzo che l’aveva lanciata. All’attrice e sceneggiatrice di teatro e di cinema, nota per la sua lunga carriera di interprete di caratterista, personaggio di punta della prima televisione italiana e della radio, Rai 1 ha dedicato il programma “Essere Franca” con la voce narrante di Pino Strabioli e la partecipazione di Dacia Maraini, Serena Dandini, Sabina Guzzanti, Luciana Litizzetto, Adriana Asti, gli amici del cuore Urbano Barberini e Orsetta De Rossi e ancora Alessandro Gassmann, Christian De Sica, Tullio Solenghi, Flavio Insinna, Laura Delli Colli, Raina Kabaivanska, fino a Lella Costa che proprio in questi giorni per festeggiarla porta in scena un testo cult di Franca, “La vedova Socrate”. E così la Valeri, facendo i conti con l’esistenza, ha detto: “La giovinezza e la maturità sono età allo sbaraglio. La vecchiaia no, si può programmare. A parte la conclusione. Mi stupisco sempre nel vedere dei vecchi impreparati. Conosco la vita, l’ho vissuta, scritta, recitata. Le biografie non hanno particolare interesse, ci sono modi migliori per lasciare dei segni”.

Di segni in effetti ne ha lasciati parecchi, nel costume, nel femminismo, nella storia della nostra televisione, della radio, del cinema e del suo amatissimo teatro. La sua è stata una vita trascorsa nello spettacolo e…

seguici...sullo stesso argomento