Home Milano Fondi russi alla Lega, c’è una nuova teste: interrogata per ore dai...

Fondi russi alla Lega, c’è una nuova teste: interrogata per ore dai magistrati di Milano

Fondi russi alla Lega, c'è una nuova teste: interrogata per ore dai magistrati di Milano
Fondi russi alla Lega, c'è una nuova teste: interrogata per ore dai magistrati di Milano

Una donna entra nell’inchiesta sui fondi russi per la Lega e l’ormai famoso incontro al Metropol. Di origini russe, alta e con i capelli neri lisci, è stata ascoltata per ore dai pm della procura di Milano che indagano su Gianluca Savoini, braccio destro di Matteo Salvini, e gli altri due italiani indagati nel fascicolo aperto per corruzione internazionale, ovvero Gianluca Meranda e Francesco Vannucci anche loro presenti all’incontro presso l’albergo moscovita del 18 ottobre 2018. Sull’identità di questa donna c’è il massimo riserbo e anche il verbale della donna – ascoltata sommarie informazioni – è stato secretato. Nel pomeriggio, in procura i pm Sergio Spadaro e Donata Costa assieme ai militari della guardia di finanza e a un’interprete, hanno raccolto quindi una nuova testimonianza sulla vicenda che fa tremare i vertici della Lega: l’ipotesi alla base dell’inchiesta è che l’incontro al Metropol servisse per organizzare un acquisto di petrolio dai russi e usare parte del passaggio di denaro per finanziare la campagna elettorale del partito di Salvini.

La Cassazione a metà dicembre aveva confermato la legittimità dei sequestri della procura di Milano nei confronti di Gianluca Savoini. Tornando a ribadire la validità dell’elemento di prova su cui si incardina l’accusa di corruzione internazionale, ovvero l’audio dell’incontro al Metropol di Mosca. Un’ulteriore conferma degli atti di indagine firmati dai sostituti procuratori che, con il coordinamento del procuratore aggiunto Fabio De Pasquale, stanno lavorando all’inchiesta: nelle mani degli investigatori ci sono tre cellulari di Savoini, una chiavetta usb e una serie di documenti trovati dalla guardia di finanza a casa del fedelissimo di Salvini. L’inchiesta giudiziaria era partita dopo che a febbraio 2019 l’Espresso aveva pubblicato il primo articolo con cui svelava la trattativa del Metropol per ottenere finanziamenti alla Lega. A luglio il sito Buzzfeed aveva pubblica la trascrizione della registrazione e alcuni audio dell’incontro con i russi.