Confagricoltura: tamponi e “quarantena attiva” per salvare la vendemmia

Confagricoltura: tamponi e “quarantena attiva” per salvare la vendemmia

Confagricoltura: tamponi e “quarantena attiva” per salvare la vendemmia 

(red.) “A pochi giorni ormai dall’inizio della vendemmia in Franciacorta, i viticoltori temono il ripercuotersi dell’ordinanza che impone la quarantena obbligatoria a tutti coloro che arrivano in Italia dalla Romania e dalla Bulgaria: con l’avvio delle operazioni di raccolta delle uve ormai alle porte, è veramente complesso trovare locali che possano sostituire quelli provenienti oltretutto dalla Romania, già selezionati e con contratti di lavoro firmati”. Lo ha detto Giovanni Garbelli, presidente di Confagricoltura Brescia in seguito all’ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, che è prorogata alla luce del preoccupante andamento epidemiologico nell’Europa dell’est e nei Balcani.
“Per non mettere in ulteriore difficoltà imprese che stanno già affrontando una fase di crisi in seguito all’emergenza sanitaria – prosegue Garbelli –, facciamo appello alle istituzioni coinvolte per consentire l’arrivo del personale, subordinato alla rigida applicazione del protocollo lombardo anti Covid previsto per gli operai stagionali”.
Tra le indicazioni del protocollo è prevista, tra l’altro, l’esecuzione dei tamponi durante la visita pre-assuntiva dei stagionali affidata al medico di medicina del lavoro.

“Questa soluzione – prosegue Garbelli – consentirebbe sia di salvaguardare la sicurezza e la salute dei e di tutti coloro che sono operativi nelle aziende in questo periodo,…

seguici...sullo stesso argomento