Cinghiali, gli abbattimenti salgono a 1.300, dal 2 novembre la caccia collettiva

9

Oltre 1.300 cinghiali abbattuti dall’inizio dell’anno in provincia di Como, il dato più elevato della Lombardia, dove complessivamente i numeri degli ungulati eliminati sono aumentati in modo esponenziale, passando dai 1.800 dello scorso anno a un totale di 3.165.

La presenza dei cinghiali da tempo sul Lario ha assunto i caratteri di un’emergenza, con danni ingenti denunciati da agricoltori e allevatori ma anche con la segnalazione di ungulati che si sono spinti fino ai centri abitati, compreso il capoluogo.

«Grazie alla caccia di selezione e alle azioni messe in campo dalla Regione Lombardia gli abbattimenti di cinghiali sono quasi raddoppiati», ha detto l’assessore all’Agricoltura Fabio Rolfi in aula, rispondendo in Commissione a un’interrogazione presentata dal consigliere comasco del Pd Angelo Orsenigo e sottoscritta da numerosi esponenti Dem.

«Noi crediamo convintamente nel ruolo del cacciatore come

Leggi anche altri post Como o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer