Chiasso sprona Como a non abbandonare il Politeama – Corriere di Como

Chiasso sprona Como a non abbandonare il Politeama – Corriere di Como

Chiasso sprona Como a non abbandonare il Politeama – Corriere di Como 

Politeama di Como e Cinema Teatro di Chiasso, un destino analogo e poi due strade che si sono decisamente divaricate: come Marte e la Terra che 4 miliardi di anni fa erano praticamente pianeti identici e poi la massa critica ha fatto la differenza, uno è deceduto e l’altra è viva. Fuor di metafora, ecco una storia di confine che permette di capire il presente e il possibile futuro dell’ex cineteatro Politeama di Como.
La ticinese Nicoletta Ossanna Cavadini, che da dieci anni dirige il M.a.x. museo di Chiasso, conosce bene da storica dell’architettura il Politeama – a lei si deve la più argomentata monografia su Villa Olmo, altra incognita di Como – e invita i comaschi a tenere duro sullo storico edificio di piazza Cacciatori delle Alpi, “Ticosa” della cultura a un passo dall’estinzione.
«Ho insegnato in Cattolica “Linguaggi e forme espressive dei luoghi dello show” – dice Nicoletta Ossanna Cavadini – e conosco bene come varia la sensibilità nei confronti del patrimonio culturale al variare dei tempi. Gli italiani però hanno una tradizione importante nell’aver saputo creare luoghi adatti alle varie tipologie di show, sono stati antesignani e proprio la vocazione polifunzionale del vostro teatro di piazza Cacciatori delle Alpi, il nome stesso lo indica, “Politeama”, è una ricchezza da non vanificare. I vostri architetti, e Federico Frigerio autore del Politeama ne fu un esempio, hanno saputo trovare la forma architettonica…

seguici...sullo stesso argomento