Brescia senza Balotelli ma finalmente con l’imbarazzo della scelta a centrocampo

Brescia senza Balotelli ma finalmente con l'imbarazzo della scelta a centrocampo
Brescia senza Balotelli ma finalmente con l'imbarazzo della scelta a centrocampo

Brescia, 23 gennaio 2020 – E’ l’ultimo arrivato, il centrocampista islandese Birkir Bjarnason, a descrivere lo spirito con il quale il Brescia guarda all’anticipo che domani sera porterà il Milan in un “Rigamonti” finalmente tutto esaurito: “Se vogliamo salvarci, dobbiamo cominciare a fare punti già nella gara con i rossoneri. Dobbiamo pensare prima di tutto a noi, a quello che possiamo fare e non a quello che farà il Milan. Io credo nella salvezza, penso che questa squadra ce la possa fare. C’è qualità, ci sono giocatori molto bravi e mi piace come gioca. Sono contento di aver scelto Brescia – prosegue l’ex giocatore di Pescara e Sampdoria che ha giocato uno spezzone nella gara con il Cagliari – Sono arrivato da poco, ma i miei compagni mi stanno aiutando tantissimo. Personalmente ho giocato in tutti i ruoli a centrocampo, ma devo dire che la posizione nella quale mi ha posto domenica il mister è quella che preferisco perché è il ruolo nel quale ho giocato di più nella mia carriera.

L’ultima partita che ho giocato è stata il 22 dicembre in Qatar, ma mi sento molto bene, anche perché prima ho giocato tante gare”. Proprio la presenza dell’islandese, unita al rientro dall’infortunio di Dessena e di Bisoli dalla squalifica, per non parlare di quella di Skrabb, offre per la prima volta a mister Corini il piacere dell’imbarazzo in vista del match con il Milan di domani sera.

Alla sfida con i rossoneri non potrà partecipare l’attesissimo ex di turno, Balotelli, appiedato per due turni dal giudice sportivo, ma, in compenso, il tecnico biancazzurro, che in settimana ha lavorato con la sua squadra con grande intensità a Torbole, dovrebbe poter contare su tutto il resto della rosa (rimangono da verificare le condizioni di Mateju). In questo senso, se l’attacco sarà certamente affidato alla coppia Donnarumma-Torregrossa, il nodo della questione rimane la difesa. In effetti Joronen sarà tra i pali e Sabelli giocherà a destra, ma la coppia centrale, che dovrebbe confermare il duo Chancellor-Cistana, dovrebbe ricevere adeguato sostegno per far fronte a Ibrahimovic e soci.

Sul mercato il Brescia è alla ricerca di forze nuove da inserire, ma per la sfida con il Milan le alternative possibili rimangono sempre Magnani e il giovane Mangraviti, che, tra l’altro, potrebbe trovare ancora spazio sulla fascia sinistra che in questo momento costituisce una vera e propria nota dolente biancazzurra. Mateju e Martella non stanno convincendo ed è proprio da quel lato che giungono le prime insidie per la rete bresciana. Il reparto che invece mister Corini potrà disegnare a suo piacimento è il centrocampo. In questo caso, assodata la presenza di Tonali, per il resto sembra che, vista anche l’importanza della posta in palio l’allenatore di Bagnolo possa privilegiare l’esperienza e, in questo senso, Dessena e Bjarnason potrebbero essere gli “scudieri” ideali del gioiello del Brescia, magari con Romulo nel ruolo di trequartista. Sono però decisi a contendere una maglia da titolare i “soliti” Bisoli e Ndoj, ma anche Skrabb potrebbe essere pronto al suo esordio nel campionato italiano. Più indietro nei pronostici, ma non rassegnato alla panchina, Spalek.

Probabile formazione Brescia (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Cistana, Chancellor, Mangraviti (Mateju); Tonali, Dessena, Bjarnason (Bisoli/Ndoj); Romulo (Skrabb); Donnarumma, Torregrossa. All: Corini.