Bergamo

Bergamo, le mascherine a scuola. «Assurdo farle mettere ai ragazzi dopo un’estate così»

#bergamo

Inizio lezioni senza corse doppie dei bus e ingressi frazionati

Sul distanziamento a scuola, le quarantene e i protocolli delle sanificazioni Coronavirus non si sa nulla, è dato per certo soltanto che l’inizio delle lezioni sarà alle 8 per tutti con l’eliminazione delle corse doppie dei bus e il frazionamento degli ingressi. L’interrogativo più sentito, però, riguarda le mascherine: «Sarebbe ridicolo, dopo un’estate di concerti e liberi tutti, farle indossare a bimbi e ragazzi a scuola», dice M. Ravasio, presidente del Comitato dei genitori di Bergamo.

Le più recenti disposizioni del Dicastero sono ferme all’anno scolastico concluso, mentre l’ultima inchiesta di Fondazione Gimbe suggerisce che senza sistemi di filtraggio e areazione, che garantiscano il continuo ricircolo dell’aria, sarà difficile pensare a un ritorno in classe senza mascherine. Manca anche ora un mese e mezzo al suono della campanella, ma per l’adattamento strutturale si rischia di essere già alla rincorsa. «L’installazione di apparecchi per la ventilazione sarà la soluzione ottimale — commenta il dirigente dell’ufficio scolastico provinciale, Vincenzo Cubelli —. 3 istituti superiori, sui 39 della Bergamasca, hanno provveduto in autonomia, mentre la Provincia ha aperto un bando per sostenerne i costi». Per le elementari e le medie il processo è più complesso: a sobbarcarsi i costi dovrebbero essere i comuni,


MIGN2601->> 2022-07-30 07:00:00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.