Il gip del tribunale di Brescia Alessandra Sabatucci ha rinviato a giudizio Felice Maniero, l’ex boss del Brenta in carcere da ottobre scorso con l’accusa di maltrattamenti fisici e psicologici sulla compagna.

Il legale di Maniero, che non era presente in aula, ha scelto il dibattimento, che inizierà il prossimo 14 febbraio.

Dal giorno dell’arresto ad oggi per quattro volte – due il gip e altrettante il Riesame – è stata negata la scarcerazione a Maniero che abitava da tempo a Brescia con una nuova identità. “Abbiamo preferito il dibattimento per evitare di elemosinare sconti di pena perché siamo convinti che la sede dibattimentale sia quella preposta per verificare le accuse” ha commentato l’avvocato Luca Broli.